• google-plus
  • facebook

Edilizia e Smaltimento srl

Home » Ristrutturazioni » Sicurezza antincendio
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Sicurezza antincendio

realizzazione partizione antincendio ex capannone industriale

24/05/2007 - È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 117 del 22 maggio scorso, il decreto del Ministero dell'Interno del 9 maggio 2007 recante "Direttive per l'attuazione dell'approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio".

Il decreto definisce gli aspetti procedurali e i criteri da adottare per valutare il livello di rischio e progettare le conseguenti misure compensative, utilizzando, in alternativa a quanto previsto dal decreto del Ministro dell'Interno 4 maggio 1998, l'approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio.

In presenza di insediamenti di tipo complesso o a tecnologia avanzata - si legge all'art. 2 -, di edifici di particolare rilevanza architettonica e costruttiva, compresi quelli pregevoli per arte o storia o ubicati in ambiti urbanistici di particolare specificità, la metodologia descritta nel decreto può essere applicata:
a) per l'individuazione dei provvedimenti da adottare ai fini del rilascio del certificato di prevenzione incendi nel caso di attività non regolate da specifiche disposizioni antincendio;
b) per l'individuazione delle misure di sicurezza idonee a compensare il rischio aggiuntivo nell'ambito del procedimento di deroga di cui all'art. 6 del DPR 12 gennaio 1998, n. 37.

Art. 3. La documentazione tecnica prevista dal nuovo decreto andrà ad integrare quella prescritta dal decreto del 4 maggio 1998. Per tenere conto del maggiore impegno professionale richiesto per la valutazione delle scelte progettuali nonchè della rilevante complessità correlata all'esame dei progetti redatti secondo l'approccio ingegneristico, l'art. 3 prevede, al fine di determinare l'importo del corrispettivo dovuto, che la durata del servizio è ottenuta raddoppiando il numero di ore stabilito nell'allegato VI al decreto 4 maggio 1998.

Art. 4. La documentazione tecnica prevista dall'allegato I al DM 4 maggio 1998 deve essere integrata da una valutazione sul rischio aggiuntivo conseguente alla mancata osservanza delle disposizioni cui si intende derogare e dalle misure tecniche che si ritengono idonee a compensare il rischio aggiuntivo, determinate utilizzando le metodologie dell'approccio ingegneristico, compreso il documento contenente il programma per l'attuazione del sistema di gestione della sicurezza antincendio.

In questo caso, la durata del servizio, al fine di determinare l'importo del corrispettivo dovuto, è calcolata sulla base di quella prevista per il parere di conformità del progetto, maggiorata del cinquanta per cento.

Art. 6. La progettazione antincendio eseguita mediante l'approccio ingegneristico richiede l'elaborazione del sistema di gestione della sicurezza antincendio (SGSA) tenuto conto che le scelte e le ipotesi poste a base del progetto costituiscono vincoli e limitazioni imprescindibili per l'esercizio dell'attività. La verifica del SGSA rientra tra i servizi a pagamento; l'importo da corrispondere per la verifica del SGSA è uguale a quello dovuto per il sopralluogo e va sommato a quello previsto per il sopralluogo finalizzato al rilascio del certificato di prevenzione incendi.

L'allegato illustra il processo di valutazione e progettazione nell'ambito dell'approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio.

Il decreto entrerà in vigore 90 giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.