• google-plus
  • facebook

Edilizia e Smaltimento srl

Home » News » Sequestro capannoni con AMIANTO
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Sequestro capannoni con AMIANTO

Roma, 9 gennaio 2013,
Sequestrati 5 capannoni con coperture eternit: in pessimo stato di conservazione .
La guardia di finanza di Roma ha sequestrato cinque capannoni con coperture in eternit contenenti amianto in pessimo stato di conservazione: denunciata una persona.
Le strutture si trovano nella periferia orientale della capitale, in un'area appartenente ad n'azienda agricola, a pochissima distanza da abitazioni e da imprese in attività. Quattro dei cinque capannoni, inoltre, sarebbero stati edificati senza la prevista concessione edilizia. I "baschi verdi" del gruppo pronto impiego di Roma, durante un servizio di controllo del territorio, sono stati attirati dal pessimo stato di conservazione delle coperture in eternit dei capannoni che, in numerosi punti, erano sfaldate "al punto da costituire pericolo per la salute pubblica".
La normativa vigente, risalente al 1992, prevede lo smaltimento e la messa in sicurezza, a cura di imprese specializzate, dei
materiali contenenti amianto (o asbesto), minerale appartenente alla famiglia dei silicati fibrosi, per loro natura resistenti al calore e quindi molto utilizzati in passato quando non era conosciuta la loro elevata nocività per gli essere umani. Una persona e' stata denunciata per reati previsti dalla normativa in materia ambientale, edilizia e di tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro.
L'inalazione di polveri contenenti fibre di amianto può causare gravi patologie: dal asbestosi a tumori della pleura (mesotelioma pleurico e carcinoma polmonare) ; oltretutto non esiste una soglia di rischio al di sotto della quale la concentrazione di fibre di amianto nel aria non sia pericolosa e un'esposizione prolungata nel tempo o a elevate quantità aumenta esponenzialmente la probabilità di rischio.
Chiedi informazioni Stampa la pagina