• google-plus
  • facebook

Edilizia e Smaltimento srl

Home » Rimozione Pavimento in Vinil Amianto Roma
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Rimozione Pavimento in Vinil Amianto Roma

Rimozione dei pavimenti contenenti amianto (vinil amianto)

"Inquinamento da asbesto negli ambienti di vita"

RICHIEDI UN PREVENTIVO

PAVIMENTI IN VINIL AMIANTO

FASI OPERATIVE:

- I lavori devono essere eseguiti in assenza di utenti, anche nei locali limitrofi.
Prima di procedere alla rimozione dei pavimenti, i vani devono essere segregati e deve essere posta sulle entrate idonea cartellonistica di avvertimento sui lavori in corso e di divieto di accesso.
- Le finestre e le porte devono restare chiuse fino a bonifica terminata.
- Le parti non spostabili (termosifoni, bancali delle finestre, eventuali attrezzature, ecc.) devono essere rivestite con teli di politene.
- I pavimenti, nello stato attuale, devono essere accuratamente puliti ad umido, con stracci bagnati.
- Il sollevamento delle piastrelle deve avvenire con strumenti manuali, tipo spatola, cercando di sollevare le piastrelle una ad una, evitando di romperle.
- Non e' consentito l'utilizzo di strumenti elettrici ad alta velocità.
- Durante la rimozione delle piastrelle, un lavoratore, appositamente addetto, deve costantemente mantenere bagnata la superficie inferiore della piastrella con una soluzione vinilica al 5%, colorata, a spruzzo, utilizzando una pompa a mano o anche semplicemente uno spruzzatore per piante.
- Ogni 30-40 piastrelle levate, queste devono essere subito confezionate in pacchetti, rivestiti con politene e chiusi con nastro adesivo. I pacchetti verranno successivamente insaccati in big-bags contrassegnati a norma.
- Eventuali residui sul sottofondo devono essere trattati con la soluzione vinilica e, una volta asciugati, raschiati con cura e aspirati con aspiratore dotato di filtro assoluto.
- Al termine della rimozione delle mattonelle, il sottofondo messo a nudo deve essere nuovamente pulito con stracci bagnati.
- Al termine dei lavori le attrezzature utilizzate dovranno essere accuratamente pulite ad umido.
- In tutte le lavorazioni a contatto coi materiali contenenti amianto i lavoratori devono essere equipaggiati con tuta monouso dotata di cappuccio, in tyvek e semimaschera munita di filtro P3 o facciale filtrante FFP3.
- Massima cura deve essere riservata alle operazioni di svestizione: tenendo indossata la maschera, l'operatore deve sfilare la tuta arrotolandola man mano dall'alto verso il basso e dall'interno verso l'esterno e poi riporla in un contenitore chiuso. Infine dovrà essere tolta con cautela la maschera, dopo averla inumidita esternamente.
- Nel corso degli ultimi anni, grazie ad una migliore messa a fuoco del problema amianto, determinata anche dalla pubblicazione di una serie di leggi di riferimento, la questione del rischio conseguente alla presenza di materiali contenenti amianto all'interno degli edifici si e' definitivamente chiarita. Infatti ora e' largamente noto che va fatta una netta distinzione fra i materiali friabili e quelli compatti. Mentre per i primi la valutazione del rischio deve essere fatta con rigidi protocolli e i lavori di rimozione devono essere condotti con la massima sicurezza, per i materiali compatti, e in modo particolare per il V.A., le procedure possono essere semplificate.
- I dati illustrati, per quanto parziali e necessari di ulteriori approfondimenti con altre esperienze, confermano quanto già noto fra gli "addetti ai lavori", e cioè che i pavimenti in VA di per se' non costituiscono un problema urgente di salute pubblica e che i lavori di rimozione condotti con procedure e tecniche di facile applicazione, sono in grado di evitare la contaminazione ambientale da parte di fibre di amianto.