FAQ AMIANTO

le 5 cose da sapere

Quale è la differenza tra amianto friabile e compatto? Il materiale viene considerato friabile quando può essere facilmente sbriciolato o ridotto in polvere con la semplice pressione manuale. Il materiale viceversa si può definire compatto quando può essere sbriciolato o ridotto in polvere solo con l'impiego di attrezzi meccanici.

Quanti tipi di Amianto esistono? La parola Amianto significa immacolato e incorruttibile e Asbesto, che di fatto è equiparato ad amianto, significa perpetuo e inestinguibile. L'amianto, chiamato perciò anche indifferentemente asbesto, è un minerale naturale a struttura microcristallina e di aspetto fibroso appartenente alla classe chimica dei silicati e alle serie mineralogiche del serpentino e degli anfiboli. E' presente in natura in diverse parti del globo terrestre e si ottiene facilmente dalla roccia madre dopo macinazione e arricchimento, in genere in miniere a cielo aperto. Per la normativa italiana sotto il nome di amianto sono compresi 6 composti distinti in due grandi gruppi: anfiboli e serpentino, e precisamente:

ANFIBOLI (silicati di calcio e magnesio), i quali comprendono:
la Crocidolite , amianto blu - Na2(Mg,Fe)7Si8O22(OH)2 - dal greco: fiocco di lana;

l'Amosite , amianto bruno - (Mg,Fe)7Si8O22(OH)2 - Acronimo di "Asbestos Mines Of South Africa";
l'Antofillite , (Mg,Fe)7Si8O22(OH)2 - dal greco: garofano;
l'Actinolite ( Ca2(Mg,Fe)5Si8O22(OH)2 - dal greco: pietra raggiata;
la Tremolite (Ca2Mg5Si8O22(OH)2 - dal nome della Val Tremola in Svizzera.
il SERPENTINO (silicati di magnesio), il quale comprende:

il Crisotilo (amianto bianco - Mg3Si2O5(OH)4 - dal greco: fibra d'oro.

Amianto quali sono i rischi?
L'Amianto (o asbesto) un minerale fibroso costituito da fibre naturali appartenenti ai silicati. La famiglia delle fibre minerali comprendono sia materiali fibrosi naturali, come l'amianto, sia fibre artificiali, come la lana di roccia, lana di vetro ed altri materiali affini. L'amianto è stato vieto dalla Legge 257/92. L'amianto è altamente cancerogeno, se hai un tetto contenente amianto o se il tuo vicino ne possiede uno, il consiglio è di prendere le dovute precauzioni. Non è necessario per forza rimuoverlo. Valutare il LIVELLO DI RISCHIO da un tecnico competente tramite la "Valutazione dello stato di conservazione delle coperture contenenti amianto".

L'Amianto come si fa una bonifica? Esistono tre modi riconosciuti dal Decreto Ministeriale del 06/09/94 per bonificare l'amianto anche detto Eternit o cemento-amianto:
• lo smaltimento o rimozione, definitiva, ma più onerosa;
• l'incapsulamento, trattamento della copertura in amianto con prodotti penetranti e ricoprenti appunto detti incapsulanti, applicate con un determinato spessore e precisa procedura in due o più mani;
• la sovracopertura, nuova copertura sopra a quella esistente in amianto che comunque deve essere sempre incapsuata

L'Amianto è obbligatorio smaltirlo? Non c'è obbligo di legge per bonificarlo. Gli enti preposti ai controlli, come l'ASL, la Medicina del Lavoro, la Polizia Municipale, Carabinieri e Polizia Provinciale possono intervenire attraverso segnalazioni, denunce o per controlli. Possono richiedere la "Valutazione dello stato di conservazione" e, in base allo stato del rischio che rappresenta il materiale, richiedere un intervento di bonifica da svolgersi entro un certo periodo di tempo, che può andare nell'immediato raramente fino a qualche anno.

Chiamaci al numero 3355962715 Scrivici Stampa la paginaStampa la pagina